Druk-ker, Hungary: “Our vision is the added value of partnerships: we found it with OMET”

Druk-ker Nyomdaipari Kft is a Hungarian company founded in 1992 as a family business. Specialized in offset, digital and flexo technologies, it’s the shrink sleeve leader in Hungary. They have built their success on reliability and quality of its products, following each customer in his specific needs with great competence. In 2019 they installed an OMET X6.0 for the production of shrink sleeves, IML, self-adhesive labels. In this interview, Péter Markó, the current managing director and son of one of the founders, tell us about their growth path.

Mr. Markò, when did your company start its business?
During the period of state socialism there were no private printing companies in Hungary, therefore my father Mr. János Markó was a self-employed entrepreneur doing only embellishment. After the change of regime, my father together with his friends started the company: Mr. Tibor Horváth, as investor, Mr. János Markó and Mr. Sándor Péntek as printers and Mr. János Dorogi who did the sales.
Mr. Dorogi left the company and I took his place before becoming the production manager in 2010 when my sister Mrs. Annamária Markó took over the management of the office. Currently Mr. Péntek is the head of Technical Department, Mr. Horváth is still a co-owner, my father and me are the managing directors.
Druk-ker has now over 70 employees, over 3000 square metres headquarters in Kiskőrös and a sales office in Budapest.

Could you describe the stages of your company development to the present day?
The company started with embellishing and letterpress printing, then we invested in small sheet-fed offset machines to print documents and envelopes with 1 colour, relatively quick. We had our first 4 colour offset press in 1996 to produce marketing materials and labels: this was the way for a continuous growth. Geographically we are located in the middle of the biggest wine region of Hungary, so the label business developed nicely. In 2004 we purchased a UV offset press in order to improve our print quality and to increase the production volume of our marketing products. This turned out to be a good decision, because fortunately the market of premium marketing products did not collapse during the world economy crisis of 2008. The demand for rolled self adhesive labels and also for labels printed on foils never slowed down, so we followed this direction during the crisis. We started roll-to-roll UV flexo printing in 2010 with a 410 mm web-width press. Together with the printing machine we purchased machines for converting and embellishment, beginning a smooth moving from sheet-fed to roll-to-roll labels. In 2011, we also started to print shrink sleeve products.

Was it a fast growing market?
Rolled label and shrink sleeve markets was rapidly growing: we outgrew our site, which we have been constantly expanding before, but we reached the limit.
We purchased an existing production hall, we fully modernized it and we moved our flexo production there. In 2014, we had 2 production sites, one for roll-to-roll UV flexo and the other for sheet-fed offset printing. At the beginning, it was OK, but after one year, we already needed to change. We had to face too many logistic issues, so we started developing and expanding a new site. Luckily, we could manage to increase the size of our land, having enough space to build new offices and a warehouse. Moving the production is always difficult, because you have 2-3 weeks of downtime. The solution for us was 2 new installations: we could stop and move the existing machines after the new machines were arrived. Year 2019 was a big milestone, we installed a Heidelberg XL 75-5L UV sheet-fed offset machine and an OMET XFlex X6.0 530 press. Our increase in printing capacity brought the need of a converting section as well, so we installed new shrink sleeve seaming, inspection, cutting machines and an IML die-cutting machine.
Our aim was to build a stable production site, with at least 2 machines for each production process. Nowadays we can proudly say that we are the leading shrink sleeve producer in Hungary, but the most important thing is that we can serve our valued customers for any kind of labelling technologies.

How and when did you meet OMET equipment?

We have been always attending the most important fairs and exhibitions of the label industry, so we could see the amazing evolution of OMET, who became one of the biggest and most advanced press manufacturers. XFlex platform attracted us immediately when presented to the market.

When did you decide to invest in OMET technology?

We had to wait for the right moment with the right circumstances. As you can see from our brief history, our last 10 years were very busy, full with different type of investments. In 2015 we had the chance to buy a used XFlex X6 430 press. We were very satisfied with the performances, so in 2018 we decided to invest in a new X6.0 530 machine.

Which was the reasons why you choose another OMET machine?
We were very satisfied with the performance of our X6 430, especially in terms of tension control and register stability. We appreciated the possibility to have customized solutions: it was very convincing to see the wide range of different special options offered by OMET. Also the provided support was very quick and flexible. Last, but not the least, we have always had a very good relationship with Printline, who is the local representative of OMET.

How is your investment in the OMET X6.0 helping you to develop your business?
Investing into OMET brought more efficiency to our production. Thanks to the sleeve technology and the Twist die system, we can do very quick job changes, so we have less downtimes. With the automatic register control system we have less setup waste and better register stability. The automatic pressure adjustment system makes it easier to recall repeating jobs.

What type of substrates are you using?
We use self-adhesive paper and clear on clear materials, BOPP unsupported film, PVC and PET shrink films. The perfect tension control and automatic register control system help us to precisely handle very thin (12-15 micron) unsupported filmic materials.

How much work do you produce each year (volume or value)?
Our total turnover is about 3,8 MEUR (50% roll-to-roll, 45% sheet-fed, 5% digital). Material consumption: 150t shrink film and IML, 800.000m2 self adhesive.

What are your future plans?
Our dream would be to have a hybrid rotary offset and flexo press on the X-Flex platform, but first we should see our financial possibilities and the upcoming market demands.


Druk-ker, Ungheria: “Il valore aggiunto passa dalle partnership, con OMET realizziamo la nostra vision”

Druk-ker Nyomdaipari Kft è un’azienda ungherese fondata nel 1992 come impresa familiare. Specializzata in tecnologie offset, digitali e flessografiche, è leader delle shrink sleeve in Ungheria. Ha costruito il proprio successo sull’affidabilità e sulla qualità dei propri prodotti, seguendo ogni cliente nelle sue specifiche esigenze con grande competenza. Nel 2019 ha installato una OMET X6.0 per la produzione di shrink sleeve, IML ed etichette autoadesive. In questa intervista, Péter Markó, attuale amministratore delegato e figlio di uno dei fondatori, ci racconta il loro percorso di crescita.

Sig. Markò, quando ha iniziato la sua attività la sua azienda?
Durante il periodo del socialismo non c’erano aziende di stampa private in Ungheria, quindi mio padre János Markó era un imprenditore autonomo che faceva solo embellishment. Dopo il cambio di regime, ha fondato un’azienda insieme ai suoi amici: Tibor Horváth, investitore, János Markó e Sándor Péntek tipografi e János Dorogi alle vendite.
Quando il signor Dorogi ha lasciato l’azienda, ho preso il suo posto. Nel 2010 sono diventato direttore di produzione quando mia sorella Annamária Markó ha assunto la gestione dell’ufficio. Attualmente il signor Péntek è il capo del dipartimento tecnico, il signor Horváth è ancora un comproprietario, mio padre e io siamo gli amministratori delegati.
Druk-ker ha ora oltre 70 dipendenti, oltre 3000 metri quadrati di sede a Kiskőrös e un ufficio vendite a Budapest.

Quali sono state le fasi principali del vostro sviluppo fino ai giorni nostri?
L’azienda ha iniziato con la stampa di abbellimenti e tipografia, quindi ha investito in piccole macchine offset a foglio per stampare documenti e buste a 1 colore, in modo relativamente veloce. Abbiamo acquistato la nostra prima macchina da stampa offset a 4 colori nel 1996 per produrre materiali di marketing ed etichette: ci ha permesso una crescita continua. Geograficamente ci troviamo nel mezzo della più grande regione vinicola dell’Ungheria, quindi il business delle etichette si è sviluppato bene. Nel 2004 abbiamo acquistato una macchina da stampa offset UV per migliorare la nostra qualità di stampa e aumentare il volume di produzione dei prodotti di marketing. Si è rivelata una buona decisione, perché fortunatamente il mercato dei prodotti premium non è crollato durante la crisi economica mondiale del 2008. La domanda di etichette autoadesive in rotolo e in foglio non ha mai rallentato, così abbiamo seguito questa direzione durante la crisi. Abbiamo iniziato la stampa flessografica UV roll-to-roll nel 2010 con una macchina da stampa a fascia 410 mm. Allo stesso tempo abbiamo acquistato macchine per il converting e la finitura, passando gradualmente dalle etichette a foglio a quelle roll-to-roll. Nel 2011 abbiamo iniziato a stampare anche shrink sleeve.

Si trattava di un mercato in forte crescita?
Sì, i mercati delle etichette in rotolo e delle shrink sleeve erano in rapida crescita: Il nostro sito produttivo, che in passato avevamo costantemente ampliato, ha raggiunto il limite.
Abbiamo così acquistato un capannone, lo abbiamo modernizzato e vi abbiamo trasferito la nostra produzione flessografica. Nel 2014 avevamo 2 siti di produzione, uno per la flessografia UV roll-to-roll e l’altro per la stampa offset a foglio. All’inizio andava bene, ma dopo un anno era già insufficiente. Avevamo troppi problemi logistici, quindi abbiamo iniziato a sviluppare ed espandere un nuovo capannone. Per fortuna siamo riusciti ad ampliare il nostro terreno, arrivando a disporre di spazio sufficiente per costruire nuovi uffici e un magazzino. Spostare la produzione è sempre difficile, perché hai 2-3 settimane di fermo. La soluzione per noi sono state due nuove installazioni: abbiamo potuto fermare e spostare le macchine esistenti dopo l’arrivo delle nuove macchine. Il 2019 per noi è stato l’anno della svolta: abbiamo installato una macchina offset a foglio UV Heidelberg XL 75-5L e nel 2019 una rotativa OMET XFlex X6.0 530. Il nostro aumento di capacità di stampa ha portato anche alla necessità di una sezione di converting, quindi abbiamo installato nuove macchine per l’aggraffaggio delle sleeve, sistemi di controllo, macchine per il taglio e una fustellatrice IML.
Il nostro obiettivo era costruire un sito produttivo stabile, con almeno due macchine per ogni processo produttivo. Oggi possiamo dire con orgoglio che siamo i numeri 1 come produttori di shrink sleeve in Ungheria, ma la cosa più importante è che possiamo servire i nostri stimati clienti per qualsiasi esigenza con qualsiasi tipo di tecnologia.

Come e quando avete conosciuto OMET?

Da sempre partecipiamo alle più importanti fiere ed esposizioni del settore delle etichette, e abbiamo potuto assistere alla straordinaria crescita di OMET, che è diventata uno dei più grandi e avanzati produttori di macchine da stampa del mondo. La piattaforma XFlex ci ha attratto immediatamente quando è stata presentata al mercato.

Quando avete deciso di investire nella tecnologia OMET?
Abbiamo dovuto aspettare il momento giusto. Come dimostra la nostra breve storia, gli ultimi 10 anni sono stati molto impegnativi, con diversi investimenti. Nel 2015 abbiamo avuto la possibilità di acquistare una OMET XFlex X6 430 usata. Siamo rimasti molto soddisfatti delle prestazioni, quindi nel 2018 abbiamo deciso di investire in una nuova macchina OMET, la X6.0 530.

Quali sono stati i motivi per cui avete scelto OMET?

Siamo rimasti molto soddisfatti delle prestazioni della nostra OMET X6 430, soprattutto in termini di controllo della tensione e stabilità del registro. Abbiamo apprezzato la possibilità di avere soluzioni personalizzate: ci ha convinto l’ampia gamma di opzioni speciali offerte da OMET. Anche il supporto fornito è stato molto rapido e flessibile. Ultimo, ma non meno importante, abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto con Printline, il rappresentante locale di OMET.

Che ruolo ha la OMET X6.0 per la vostra crescita?
OMET ha portato più efficienza alla nostra produzione. Grazie alla tecnologia sleeve e al sistema di fustellatura Twist, possiamo effettuare cambi di lavoro molto rapidi, quindi abbiamo meno tempi di fermo. Con il sistema di controllo automatico del registro abbiamo meno sprechi nelle operazioni di setup e una migliore stabilità del registro. Il sistema di regolazione automatica della pressione facilita il richiamo dei lavori ripetuti.

Che tipo di materiali utilizzate?
Usiamo carta autoadesiva e materiali trasparenti, film BOPP non supportato, film termoretraibile in PVC e PET. Il perfetto controllo della tensione e il controllo automatico del registro ci aiutano a gestire con precisione materiali filmici molto sottili (12-15 micron) non supportati.

Qual è il vostro giro d’affari?
Il nostro fatturato totale è di circa 3,8 milioni di Euro (50% roll-to-roll, 45% a foglio, 5% digitale). Come consumo di materiale stimiamo 150 tonnellate di film termoretraibile e IML, 800.000 metri quadrati di autoadesivo.

Cosa vedete nel vostro futuro?
Il nostro sogno è quello di avere una linea offset rotativa ibrida e una nuova macchina da stampa flessografica XFlex, ma dovremo prima valutare le nostre possibilità finanziarie e le emergenti richieste del mercato.